Notizie

V Festival dei cori parrocchiali – il coro di Sant’Enrico vince la sezione degli inediti!!

Si è concluso il 5 novembre l’edizione 2022 di “Cantate inni con arte”, 12 i cori partecipanti, 5 per la sezione inediti, 7 per la sezione editi. A presiedere la giuria il direttore del Coro della diocesi di Roma Marco Frisina

Il Festival di musica liturgica riservato ai cori parrocchiali della diocesi di Roma e delle diocesi suburbicarie, organizzato dall’Ufficio diocesano per la pastorale del tempo libero, del turismo e dello sport e dal Servizio diocesano per la pastorale giovanile in collaborazione con l’emittente web Radiopiù Roma.

Il coro (adulti) della nostra parrocchia ha partecipato alla sezione degli inediti con il brano Gloria in Excelsis scritto e musicato da Domenico Barra.

«Cantare in coro non è solo un esercizio dell’udito esteriore e della voce; è anche un’educazione dell’udito interiore, l’udito del cuore, un esercizio alla vita e alla pace […] un camminare insieme». Sono le parole di Benedetto XVI che da sempre, racconta la direttrice del coro Sant’Enrico, Floriana Maracchia, «hanno ispirato il nostro coro nell’unico fine di pregare attraverso il canto». Negli anni, spiega ancora la direttrice, «abbiamo offerto il nostro servizio alle celebrazioni domenicali, alle occasioni più solenni dell’anno liturgico, a matrimoni o feste. Cerchiamo anche di non far mancare mai la nostra presenza nei funerali così come nelle occasioni più liete». Il coro ha inoltre cantato in altre parrocchie e basiliche come San Giovanni in Laterano e Santa Croce in Gerusalemme e all’Abbazia di Farfa. «Dall’anno della nostra fondazione – aggiunge Floriana Maracchia – siamo cresciuti, arrivando oggi a essere circa 30 elementi, uomini e donne, ognuno prezioso nel proprio ruolo, non solo musicale, ma soprattutto nel contributo personale con cui arricchisce la vita e l’esperienza degli altri, riconoscendo il valore prezioso del farsi famiglia tra noi, di pregare cantando, di farlo insieme e di mettere questa gioia al servizio della comunità parrocchiale e della lode al Signore».